Maremma Toscana e Laziale

UltimissimoMinuto

Hotel, agriturismo e cenni alle attrazioni turistiche della Maremma Toscana e Laziale

Curiosità sulla zona
Maremma
Monte Amiata
Siena
Agriturismo in Maremma
Il brigante Tiburzi
I butteri
Divertimenti in Maremma
Paesi della Maremma
Grosseto
Castiglione della Pescaia
Follonica
Massa Marittima
Scansano
Manciano
Saturnia
Capalbio
Cellere
Monte Argentario
Porto Santo Stefano
Tarquinia
Montalto di Castro
Isola del Giglio
Paesi del Monte Amiata
Arcidosso
Castel del Piano
Castell'Azzara
Cinigiano
Roccalbegna
Santa Fiora
Seggiano
Semproniano

 

Il brigante Tiburzi

tiburzi

Domenico Tiburzi, il più celebre brigante della Tuscia e della Maremma, nacque a Cellere il 28 maggio 1836 e morì, ucciso in un conflitto a fuoco con i Carabinieri, il 23 ottobre 1896.

Questi i 10 comandamenti che Piero Bargellini gli ascrive:

Io sono Tiburzi, brigante maremmano.
La Maremma non avrà altro brigante al di fuori di me.
Non nominare il nome di Tiburzi invano.
Onora i signori del luogo.
Aiuta i disgraziati.
Non ammazzare.
Non rubare.
Non vedere.
Non parlare.
Non fare la spia, né ai Carabinieri di Capalbio, né al Delegato di Orbetello.

Comandamenti, però, che valevano per gli altri e non per sé stessi. Ci sono due chiavi di lettura del personaggio. C'è un mito romantico e popolare, dell'uomo che vivendo alla macchia fa la giustizia (la sua giustizia) anche contro la legge, e ve ne è una più realistica del criminale brutale che si macchia dei crimini più orrendi per imporre il proprio potere (che oggi diremo forse di tipo "mafioso") sul territorio. Uccise per la prima volta nel 1867 Angelo del Buono, un povero guardiano colpevole di avergli contestato un furto d'erba da pascolo; lo freddò con una fucilata. Tiburzi fu condannato a 18 anni di carcere (con le attenuanti!) dal tribunale di Civitavecchia ed inviato ad espiare la condanna alle saline di Tarquinia, dove conobbe uno dei suoi futuri compagni di scorribande, Domenico Biagini.

Tiburzi evase 3 anni più tardi, seguito a breve distanza (secondo alcune fonti, assieme) al Biagini e si dette alla macchia aggregandosi con il Biagini stesso alla banda capitanata da David Biscarini. Il Biscarini morì poi in un conflitto a fuoco con i carabinieri, e sulla testa di Tiburzi fu messa una taglia di ben diecimila lire.

Tiburzi non odiava i carabinieri, che considerava dei poveri "figli di mamma", quanto le spie ed i delatori che era pronto a colpire con la sua giustizia talvolta anche per il solo sospetto, come quando assieme a Luciano Fioravanti, altro compagno di brigantaggio, nel 1890 uccise pubblicamente il fattore Raffaele Gabrielli reo di non averlo avvertito della presenza delle forze dell'ordine.


P.zza de Maria, 27 - Grosseto - Tel: 0564-415859 - info@paperbook.biz - PI: 01272940535
Sito realizzato da Marco5x Net - Hosting Itsyandy Net